Latte di soia, benefici e proprietà di questa bevanda.

Aggiornato il: 14 giu 2019


Comunemente nota come “latte di soia”, in realtà è più corretto chiamarla bevanda a base di soia, così come accade per il latte di riso, il latte di avena e il latte di mandorla.


Il suo color crema e il suo sapore dolce e inconfondibile la rendono molto caratteristica.

Oggi il suo uso è notevolmente aumentato grazie a chi è intollerante al lattosio e grazie a chi decide di implementare la sua dieta con alimenti “differenti”.

Il latte di soia è ricco di isoflavoni responsabili dei suoi effetti benefici. Ogni tazza ne contiene circa 20 mg (principalmente genisteina e daidzeina).

Latte di soia: proprietà

Gli effetti positivi per la salute sono numerosi, tra cui riduzione del colesterolo, attenuazione dei sintomi della menopausa e prevenzione dell'osteoporosi.

Gli isoflavoni sono anche antiossidanti, che proteggono le nostre cellule e DNA dagli effetti dell’ossidazione.


Latte di soia: valori nutrizionali

La proteina della soia è completa, nel senso che contiene tutti gli aminoacidi indispensabili richiesti dal corpo, nelle proporzioni corrette ed equivale a soddisfare i bisogni umani di crescita e riparazione di tessuti.

In linea generale 100g di prodotto apportano:

1,8 g di carboidrati

2,9 g di proteine

1,9 g di lipidi

Oltre a numerosi minerali e vitamine quali:

Ferro

Calcio

Sodio

Potassio

Fosforo

Vitamina B1

Vitamina B2

Vitamina B3

I grassi contenuti nel latte di soia sono in buona parte insaturi, i cosiddetti “grassi buoni”.

Inoltre la maggior parte delle bevande in commercio sono fortificate di calcio e vitamina D.

Latte di soia: calorie

L'apporto calorico delle bevande a base di soia è relativamente basso: solo 32 kcal per 100 ml!

Ma occhio all’etichetta perché in commercio vi sono diverse aziende che aggiungono una generosa quota di zucchero. Pertanto, è bene scegliere il latte di soia senza zucchero.

Il latte di soia fa male? Attenzione agli antinutrienti

Gli antinutrienti sono molecole, come i fitati, in grado di interferire con la digestione degli alimenti. Ad esempio, questi possono legarsi ad alcuni minerali come calcio, magnesio e ferro riducendone il loro assorbimento.

Altra molecola presente, è l’ inibitore della tripsina, cioè una sostanza che blocca l’azione della tripsina, enzima pancreatico che permette di digerire le proteine.

Benefici del latte di soia

Il latte di soia previene e migliora l'osteoporosi ed attenua i sintomi della menopausa.


La soia, pur contenendo poco calcio e vitamina D, ha comunque un effetto protettivo nei confronti dell'osteoporosi per la presenza di fitoestrogeni.


È comunque fondamentale scegliere una bevanda alla soia con calcio aggiunto e vitamina D, nutrienti fondamentali per la salute delle ossa.


Anche la presenza di isoflavoni è di aiuto.

Gli isoflavoni della bevanda alla soia, mimano l'azione degli estrogeni, gli ormoni sessuali femminili e grazie a tale effetto estrogenico, bloccano la perdita di calcio da parte delle ossa, ostacolando in tal modo la demineralizzazione del tessuto osseo.


Il latte di soia è ideale per i diabetici


La bevanda alla soia naturale (senza zuccheri aggiunti), grazie all'esigua quota in zuccheri risulta essere un alimento a basso indice glicemico motivo per cui può bevuta dai diabetici.


Il latte di soia potrebbe ridurre il colesterolo


Numerosi sono gli studi scientifici che hanno dimostrato l’efficacia del consumo di latte di soia nel ridurre il livello di colesterolo cattivo (LDL) ed il rischio di patologie a carico dell’apparato cardiocircolatorio.


Nello specifico, tra i nutrienti della soia responsabili di tale beneficio vi è la lecitina di soia ed i fitosteroli (molecole coinvolte nella riduzione dell'assorbimento intestinale del colesterolo poiché, essendo chimicamente affini, lo legano e ne impediscono il passaggio attraverso la mucosa intestinale).

Latte di soia: controindicazioni

Alcuni studi scientifici hanno osservato come gli isoflavoni della soia possano interferire con la funzionalità tiroidea.

Questo, non crea alcun problema per coloro che hanno una normale funzionalità dell’organo. Le categorie che dovrebbero prestare attenzione sono solo coloro che soffrono di disfunzioni quali ipo- o iper- tiroidismo.


Il latte di soia fa ingrassare?


La risposta è no. Nei soggetti particolarmente sensibili, a livello del tratto intestinale, il consumo può provocare meteorismo, flatulenza, diarrea, gonfiore addominale o stipsi.

Ciò è dovuto alla presenza di sostanze anti-nutrizionali come i galattani e gli inibitori della tripsina.


Latte di soia in gravidanza


In merito vi sono pareri discordanti, in quanto secondo alcuni studi scientifici ciò potrebbe causare problemi nello sviluppo del bambino. Ma prove a sostegno di tale tesi, non sono ancora state confermate. Si consiglia di valutare la sua assunzione insieme al proprio nutrizionista.


Latte di soia e intolleranza al lattosio


Solitamente la bevanda alla soia è un alimento indicato per gli intolleranti al lattosio perché ottenuta a partire da ingredienti naturalmente privi, quali appunto soia e acqua.


Nessun dubbio perciò per potere essere consumata sia come bevanda nella prima colazione, sia come ingrediente per torte e biscotti. Può essere usata anche nella preparazione di prodotti salati come per esempio la preparazione di besciamella con il latte di soia al posto del latte vaccino.

Ricordiamo che anche il latte vaccino può essere assunto dalle persone intolleranti al lattosio se supportato dall'utilizzo di un buon integratore di enzima lattasi.


Attenzione il latte di soia può dare problemi intestinali


Nei soggetti che manifestano problematiche intestinali, come infiammazione o colon irritabile, il suo consumo può provocare meteorismo e flatulenza, diarrea, gonfiore addominale o stipsi. Ciò è dovuto alla presenza di sostanze antinutrizionali come i galattani che sono zuccheri che risultano, normalmente, scarsamente digeribili perché richiamano acqua a livello intestinale.

Dr.ssa Marina Putzolu Biologa Nutrizionista


Bibliografia

S. Adami, et al. (2009) Linee guida per la diagnosi, prevenzione e terapia dell’osteoporosi. Reumatismo

Shimi Y. (2009) Soybean isoflavones in bone health. Forum Nutr

Sathyapalan, et al. (2015) Soy protein with isoflavones reduce bone turnover markers in women during their early menopause- a randomised double blind parallel study. Endocrine Abstracts

Cianci A, et al. (2015) Soy isoflavones, inulin, calcium, and vitamin D3 in post-menopausal hot flushes: an observational study.Clin Exp Obstet Gynecol.

Sacks FM, et al. (2006). Soy protein, isoflavones and cardiovascular health. An american heart association science advisory for professionals from nutrition committee. Circulation

Bahareh Hajirostamloo ”Comparison of Nutritional and Chemical Parameters of Soymilk and Cow milk World Academy of Science, Engineering and Technology”, International Journal of Biological, Biomolecular, Agricultural, Food and Biotechnological Engineering

Liener I.E. (1994). “ Implications of antinutritional component in soy foods”. Crit Rev Food Sci Nutr.

Longstreth GF et al. (2006) “Functional bowel disorders”. Gastroenterology

#lattedisoia #lattediriso #lattedimandorla #intolleranzaallattosio #colesterolo #indiceglicemico #lattedisoiaproprietà #beneficidellattedisoia #lattedisoiacontroindicazioni #lattedisoiaeintolleranzaallattosio #galattani #isoflavoni

54 visualizzazioni

Made with Love in Italy © 2018 LACTOSOLUTION

EXTRA SAS di Verducci Silvano & C., VIa Pace 277, Macerata. P.IVA 01754760435

Cookies Policy        |        Privacy Policy         |         Termini & Condizioni