Nutella senza lattosio: abbiamo provato le creme di nocciola e cacao in commercio!

Aggiornamento: 18 gen 2020


Nutelle senza lattosio: le abbiamo provate!

La famosa e golosa Nutella della Ferrero è una icona dell’alimentazione italiana ed è difficile trovare persone che non “vadano pazze” per il suo gusto. Ahimè però non esiste una versione della Nutella senza lattosio.

Ma siamo sicuri che non possiamo provare lo stesso piacere anche essendo latto-intolleranti e senza usare il nostro integratore di enzima lattasi preferito (come ad esempio LACTOSOLUTION)?


Lactosolution, articolo blog crema cacao nocciola senza lattosio nutella

Goloso come molti, mi sono messo a cercare tutte le CREME SPALMABILI alla nocciola o alla nocciola e cacao SENZA LATTOSIO disponibili nel mercato, al fine di capire quale potesse essere l’alternativa più adatta a me.

Se ne trovano più di quelle che potessi immaginare ed ognuna ha il suo particolare sapore. E’ bene distinguere subito le creme di nocciole pure (100% nocciole) dalle creme di nocciole e cacao. Le prime hanno un gusto più deciso ed, al neofita della categoria, possono rimanere poco piacevoli.

La scelta è chiaramente soggettiva, puntualizzo solo di non cercare nelle creme di sola nocciola il gusto già conosciuto delle creme al cacao e nocciole perché esse sono ben diverse.

Per confronto è doveroso riportare il contenuto della Nutella, scritto sulla sua etichetta troviamo:

  • Zucchero

  • Olio di palma

  • Nocciole, 13%

  • Cacao magro, 7.4%

  • Latte scremato in polvere 6.6%

  • Siero di latte in polvere

  • Lecitina di soia (emulsionante)

  • Vanillina (emulsionante)

Troveremo gli stessi ingredienti nelle creme senza lattosio? Scopriamolo..

Per non perdere memoria di ogni esperienza organolettica, ho cominciato a dare un punteggio ad ogni barattolino provato e ne è scaturito uno studio, totalmente soggettivo, molto interessante per chi si avvicina a questo dolce mondo.

Una sola amara premessa....queste confezioni sono normalmente ben più care dell’amata Nutella, con qualche eccezione. Con l'acquisto online si può risparmiare qualcosa ma non aspettarti che te le regalino come gadget natalizio.

Per ogni confezione riporto il peso netto ed il prezzo (valido mentre scrivo). Indico inoltre gli ingredienti e la classificazione: BIO, VEGAN, LACTOSE-FREE (senza badare alle certificazioni, ricostruendo in base agli ingredienti).

Esplicito anche un dato che molti ritengono fondamentale: presenza dell’ OLIO DI PALMA.

Passiamo al test.


nutella senza lattosio, creme spalmabili, lactosolution

Un commento sui criteri di valutazione:

Provata “sì” o “no”: punto primo...se ho assaggiato la crema e l’ho fatta assaggiare ai miei cari. Sono veramente tante le creme e aggiornerò l’articolo man mano che riesco in questo faticoso lavoro.

Gusto: secondo la definizione tradizionale, il gusto è “la felicità e l’entusiasmo di assaporare un prodotto”. In pratica più questo valore è alto e più non sono riuscito a fermarmi mentre la mangiavo.

Spalmabilità: ho voluto rappresentare quanto la crema sia facile da spalmare. All’inizio non l’avevo inserita ma andando avanti mi sono reso conto che alcune creme rimangono particolarmente “rigide” anche a temperatura ambiente (20 - 25°C) ed altre si scompongono nei vari ingredienti, risultando in ambo i casi difficili da spalmare sul vostro pane o brioches preferita.

Granulosità: anche mantenendo un sapore buono alcune creme fanno sentire una certa poca amalgama degli ingredienti. In questo caso l’impasto rimane granuloso nella bocca e ne vanno a fare le spese le nostre papille gustative.

Predominanza delle nocciole: fattore fondamentale. C’è a chi piace molto il sapore intenso -e un po’ amarognolo- delle nocciole e a chi piace meno. Personalmente credo ottimale un valore di questo parametro tra il 7 e l’8, visto che parliamo di creme alla nocciola, se preferisci le creme di mandorle o di cacao puro puoi farmi una richiesta per la stesura di un altro articolo su di esse.

Somiglianza con Nutella: quanto la crema assomigli alla concorrente lattosata. Attenzione, un valore basso non vuol dire per forza peggiore...magari è diversamente buona o semplicemente migliore.

Commento: riflessione personale sull’esperienza di assaggio. Confronti e pareri per una nota meno “tecnica” e, forse, più utile nella decisione di acquisto finale.