• Dr.ssa Marina Putzolu

La malattia di Crohn, una guida nutrizionale

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria sistemica recidivante, che colpisce principalmente il tratto gastrointestinale con manifestazioni extraintestinali e disturbi immunitari associati. Insieme alla colite ulcerosa, sono i due componenti principali della malattia infiammatoria intestinale.

È una malattia che colpisce principalmente il tratto gastrointestinale e si presenta frequentemente con dolore addominale, febbre e segni clinici di ostruzione intestinale o diarrea con passaggio di sangue o muco o entrambi.



Quali sono le cause?

Genetica

L'aggregazione familiare è nota da oltre 70 anni. Finora gli studi sull'associazione genomica e le meta-analisi computerizzate hanno identificato e confermato 71 loci di suscettibilità per la malattia di Crohn su 17 cromosomi.


Fattori ambientali

Oltre alla genetica, sono possibili diverse cause, principalmente legate allo stile di vita. L'importanza dell'ambiente è suggerita dall'aumento dei tassi di incidenza in gruppi etnici precedentemente meno colpiti come gli asiatici e gli ispanici e negli immigrati provenienti da regioni a bassa incidenza che si spostano in aree con un'incidenza tradizionalmente elevata.

L’ esposizione all'inquinamento atmosferico, una dieta occidentale con consumi eccessivi di cibi pronti (spesso contenenti quantità elevate di zucchero e grassi polinsaturi) e aumento dell'uso di tabacco, sono alcuni dei fattori maggiormente implicati.

La malattia di Crohn si verifica spesso dopo una gastroenterite infettiva ed in soggetti che hanno una disbiosi intestinale.

La ricerca scientifica sugli animali suggerisce che, inoltre, le infezioni virali - come fattore ambientale - potrebbero convertire la suscettibilità genetica all’evolversi della malattia.


Microbiota e salute intestinale

La malattia di Crohn sembra derivare da un'interazione alterata del microbiota intestinale che è normalmente in uno stato di reciprocità simbiotica con l'ospite umano.


Fumo

I pazienti con malattia di Crohn devono smettere di fumare. Il fumo promuove un decorso aggravato della malattia e una risposta non ottimale alla terapia medica.


Nutrizione

A seguito di un’alterazione della mucosa intestinale, le carenze nutrizionali potrebbero essere spesso presenti, e pertanto è necessario porre attenzione ed essere corrette. Analizziamo nel dettaglio le varie famiglie di alimenti.


Cereali

La ricerca suggerisce che una dieta ricca di fibre può ridurre il rischio di sviluppare infiammazioni intestinali (IBD).

Ma una volta ricevuta una diagnosi di IBD e la malattia è attiva, la fibra può rappresentare un problema. La fibra insolubile, presente nelle bucce di frutta e verdura, semi, verdure a foglia scura e prodotti integrali, può aumentare la diarrea e il dolore addominale.

Secondo la Crohn's and Colitis Foundation of America (CCFA) , le persone con la malattia di Crohn potrebbero beneficiare di un piano alimentare a basso contenuto di fibre e di residui per aiutare a gestire la costrizione intestinale o i sintomi acuti.


Frutta e verdura

Tali alimenti possono causare problemi per lo stesso motivo dei cereali integrali: alto contenuto di fibre insolubili.

Non necessariamente, però, bisogna eliminare ogni frutto e verdura dalla dieta, ma limitarne alcuni come:

mele con bucce

broccoli

cavolo

cavolfiore

carciofi

ciliegie

pesche

prugne


Proteine ​​e carne

La selezione di proteine ​​dovrebbero essere basate sul contenuto di grassi, perciò le carni con un più alto contenuto di grassi dovrebbero essere evitate come ad esempio:

carne rossa

salsicce


Latticini

Le persone con la malattia di Crohn dovrebbero limitare i prodotti lattiero-caseari o evitarli del tutto. Questo perché l'intolleranza al lattosio tende a coincidere con IBD.

Il lattosio, lo zucchero del latte, può aumentare il rischio di gas o dolori addominali e diarrea.


Bevande

Considerando la natura della malattia di Crohn, è generalmente una buona idea bere più liquidi. La migliore bevanda è indubbiamente l’acqua naturale. Ricordate che la disidratazione è spesso un rischio in caso di diarrea cronica. Evitare di bere, invece:

caffè

tè nero

vino, liquore e birra


Spezie

I cibi piccanti possono agire come irritanti per alcuni e peggiorare i sintomi. Come regola generale, dovresti evitare qualsiasi cosa troppo piccante. D'altra parte, la curcuma (o la curcumina) è stata collegata alla minimizzazione delle riacutizzazioni della malattia di Crohn in studi preliminari.


Le nuove aree di ricerca di Crohn includono:

l'uso di probiotici

l'assunzione di omega-3 presenti nel pesce e nell'olio di semi di lino

pesce

alimenti fibrosi come lo psillio che non vengono digeriti fino al colon

trigliceridi a catena media trovati nella noce di cocco

una dieta a basso contenuto di FODMAP


È importante considerare che non è solo quello che mangi che può aggravare i sintomi. Anche il modo in cui cucini e trasformi i tuoi alimenti può fare la differenza. I cibi fritti e grassi sono comunemente segnalati come colpevoli di riacutizzazione, quindi è meglio optare invece per cibi cotti al forno e grigliati.




Bibliografia

Prof Daniel C Baumgart et al. (2012). “Crohn's disease”. Lancet, Volume 380, Issue 9853


A Franke, DP McGovern, JC Barrett, et al. (2010). “Genome-wide meta-analysis increases to 71 the number of confirmed Crohn's disease e susceptibility loci” Nat Genet


A Dignass, G Van Assche, JO Lindsay, et al., the European Crohn's and Colitis Organisation (ECCO). “The second European evidence-based Consensus on the diagnosis and management of Crohn's disease: current management” J Crohn's Colitis, 4 (2010)


Cox et al. (2017). “Fermentable Carbohydrates [FODMAPs] Exacerbate Functional Gastrointestinal Symptoms in Patients With Inflammatory Bowel Disease: A Randomised, Double-blind, Placebo-controlled, Cross-over, Re-challenge Trial.” ). J Crohns Colitis.


Lirong Zeng et al. (2017). “Macronutrient Intake and Risk of Crohn’s Disease: Systematic Review and Dose–Response Meta-Analysis of Epidemiological Studies” Nutrients

105 visualizzazioni

Made with Love in Italy © 2018 LACTOSOLUTION

EXTRA SAS di Verducci Silvano & C., VIa Pace 277, Macerata. P.IVA 01754760435

Cookies Policy        |        Privacy Policy         |         Termini & Condizioni